"ARABESKE" DI MAURIZIO BAGLINI

SCHUMANN: ARABESKE
Maurizio Baglini
Decca

 

Maurizio Baglini firma per Decca il quarto album dedicato alla musica per pianoforte del compositore tedesco registrato anche questa volta su pianoforte Fazioli.

 

 

La registrazione comprende l’Arabeske op. 18, i Fantasiestücke op. 12 e le Romanze op. 28, scritti dal compositore in un momento di grande slancio creativo, tra i ventisette e i ventinove anni, al termine di un decennio d’attività densissimo durante il quale trasferisce sulla tastiera tutto il suo bizzoso immaginario romantico. A questi si affiancano i Gesänge der Frühe (Canti del mattino) op. 133, misterioso testamento musicale di uno Schumann maturo, ormai al limite della follia, che dopo aver sperimentato varie forme compositive ritorna al primo amore: il pianoforte solo. Il programma è completato con una chicca: “Ahnung”, foglio manoscritto non datato riscoperto nel 2009 presso la Leopold-Sophie-Bibliothek di Überlingen.

In queste interpretazioni il pianoforte di Baglini spesso canta come una voce umana. «Mi sono ispirato – spiega il pianista – non al canto belliniano, che ha influenzato Chopin, bensì al Lied tedesco, poiché il melos di Schumann scaturisce sempre dalla prosodia della sua lingua madre. Per esempio la suggestiva melodia lunga dell’Arabeske ho pensato di farla respirare come farebbe un cantante». La sua lettura di questi capolavori ha portato inoltre Baglini ad adottare in qualche caso tempi più lenti rispetto alla tradizionale prassi esecutiva: «E’ stata una scelta ponderata – conclude – quella di non seguire i metronomi segnati sullo spartito, su cui potrebbero essere intervenuti ripensamenti successivi, perfino di Clara Schumann. Questo mi ha permesso di addentrarmi più in profondità negli abissi drammatici e a tratti tragici di questa musica, così affine per certi versi all’orizzonte poetico di Giacomo Leopardi».

Il disco è stato premiato con 5 stelle dalla Rivista MUSICA.

Seguici su

Fazioli Pianoforti s.p.a.  /  C.F. e P. IVA: IT 00425600939

credits: Representa